https://www.imprenditoreitaliano.it/2014/10/16/come-creare-in-poco-tempo-un-grafico-a-tachimetro/ Tutte le News | Come creare in poco tempo un grafico a tachimetro | Imprenditore Italiano

Come creare in poco tempo un grafico a tachimetro

By on Ottobre 16, 2014

Il grafico a tachimetro (o gauge) viene spesso utilizzato nei cruscotti per dare particolare risalto ad uno o più KPI (Key Performance Indicator).

Purtroppo Excel non mette a disposizione tale tipo di grafico, dovremo quindi ingegnarci per ricrearlo. Esistono diversi tutorial in rete alcuni, che sfruttano nozioni di trigonometria, di difficile realizzazione, altri, che usano la sovrapposizione di due o più grafici che risultano particolarmente macchinosi.

img 1

Figura 1

Il metodo che noi proponiamo invece sfrutta unicamente i grafici ad anello e un po’ di formattazione…

Si tratta di un unico grafico con tre serie (due delle quali ripetute due volte):

• La ghiera graduata

• Le bande colorate (ripetute due volte)

• L’area indicatore (ripetuta due volte)

Partiamo con la ghiera

Per la ghiera dovremo dividere il nostro anello di 360° in 11 spicchi: 10 da 18° e uno da 180°; scriveremo quindi la serie in figura 2, avendo cura di riportare le etichette o descrizioni (nel nostro caso i valori da 10 a 100) escludendo la cella riportante 180 (A12) che va lasciata senza etichette.

Ora passiamo alle bande colorate

In questo caso abbiamo scelto tre bande di uguale dimensione: il nostro anello di 360° sarà formato da 4 spicchi: 3 da 60° e uno da 180°.

Infine l’area indicatore

Per l’indicatore dovremo ricordarci che il nostro dato andrà rappresentato in una scala da 0 a 180 e pertanto occorrerà moltiplicare il valore dell’indice che vorremo rappresentare per 180 e dividerlo per 100 (che equivale a moltiplicarlo per 1,8). Quindi la nostra serie sarà composta di due dati:

il valore dell’indice moltiplicato 1,8

360 meno il valore dell’indice per 1,8.

In pratica basterà riportare sul nostro foglio quanto indicato nella figura 2.

img2

Figura 2

Avendo cura di riportare in cella I2 la formula +H1*1,8 e in cella I5 la formula +360-I2

Vediamo ora che i dati sono completi come costruire il grafico.

Ricordiamo che per selezionare intervalli non contigui è sufficiente tenere premuto il tasto CTRL mentre selezioniamo le diverse aree.

Nel nostro caso dovremo selezionare le seguenti aree in ordine indicato: I2:I5 – E2:E5 – B2:B12

Dalla scheda Inserisci, cliccare su Altri Grafici, e scegliere il primo grafico ad anello.

Selezionare una serie del grafico con un doppio clic, si aprirà la maschera formato serie dati o formato coordinata (Excel 2013), inserire il valore 270° nel riquadro angolo prima sezione per fare ruotare l’anello nella posizione corretta e 0% in dimensione anello per creare un cerchio all’interno dell’anello

Dopo queste operazioni il nostro grafico assumerà le sembianze di quanto riportato in figura 3.

img 3

Figura 3

A questo punto per ottenere l’effetto “mezzaluna” dobbiamo nascondere le parti che non andranno visualizzate: gli spicchi da 180° e l’area che rappresenta la cella I5.

Selezioniamo quindi lo spicchio da nascondere e clicchiamo su formato/riempimento forma e selezioniamo nessun riempimento.

Per la formattazione dei tre spicchi interni sempre dal menù formato, riempimento forma selezioniamo tre colori che possano rende immediato l’andamento dei KPI, in questo caso noi sceglieremo di mettere Rosso, Giallo e Verde, potete creare anche un effetto 3D nel menù effetti forma.

Al termine di queste operazioni il grafico dovrebbe apparire come in figura 4

img 4

Figura 4

Ora mancano solo la duplicazione dell’area indicatore, dell’area delle etichette, della ghiera e delle bande colorate

Per ottenere la duplicazione basta cliccare su una qualsiasi area e seguire la sequenza di tasti CTRL+C e CTRL+V per poi cancellare con CANC l’area ghiera (da ripetere una sola volta).

Per le etichette occorrerà dapprima selezionarle utilizzando il Menù seleziona dati (figura 5) e quindi farle apparire avendo cura di mostrare nome categoria e non il valore della cella.

img 5

Figura 5

Il resto è solo formattazione e lo lasciamo alla fantasia di chi legge.

You must be logged in to post a comment Login