https://www.imprenditoreitaliano.it/2015/05/19/aiuto-allavviamento-di-imprese-per-i-giovani-agricoltori/ Tutte le News | Aiuto all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori | Imprenditore Italiano

Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori

By on Maggio 19, 2015

Spazio dedicato alla’ Dott.ssa Esmeralda Trogu, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Oristano.

Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori, premio a fondo perduto per giovani che si insediano in agricoltura fino a 70.000 € in alcune regioni.

L’ aiuto vuole promuovere il ricambio generazionale favorendo l’ ingresso di giovani agricoltori con ruolo imprenditoriale mediante la corresponsione di un premio e incentivando, attraverso l’erogazione di risorse finanziarie, la costituzione e lo sviluppo di imprese. Il premio è di € 70.000 per l’insediamento e con la possibilità di accedere ad un mutuo di 15 -20 – 25 -30 anni. Tale obiettivo , gestito da Ismea, volge come già accennato a favorire il ricambio generazionale in agricoltura mediante l’inserimento di giovani nella conduzione di imprese agricole competitive. La misura si applica su tutto il territorio nazionale nel rispetto della normativa in materia di aiuti di Stato.

Soggetti Beneficiari:

Sono beneficiari delle agevolazioni i giovani agricoltori come definiti dall’art. 2 par. 1 lett. n del Reg. UE 1305/2013, anche organizzati in forma societaria, che intendono insediarsi per la prima volta in una impresa agricola in qualità di capo azienda e che presentino un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola su un periodo di almeno 5 anni che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione.

Requisiti dei beneficiari:

I giovani di età compresa tra i 18 ed i 39 anni al momento di invio della domanda del beneficiario. In caso di società di persone o di capitali il requisito dell’età deve essere dimostrato per la maggioranza assoluta e numerica.

L’esercizio dell’attività agricola nel territorio nazionale

L’insediamento deve avvenire successivamente alla presentazione della domanda di ammissione all’agevolazione che decorre dalla data di assunzione della gestione dell’azienda.

Per l’insediamento deve avvenire in azienda che rispetti almeno il numero di UDE – ULU minimo previsto dal PSR 2014 – 2020.

Il giovane beneficiario si impegna a condurre l’azienda per un periodo non inferiore di cinque anni a decorrere dall’insediamento, salvo cause di forza maggiore.

età compresa tra i 18 anni (compiuti) ed i 40 anni (non compiuti) al momento della presentazione della domanda;

aver frequentato la scuola dell’obbligo;

possedere conoscenze e competenze professionali adeguate.

I previsti requisiti devono essere sussistere al momento della presentazione della domanda. Tuttavia, per l’acquisizione delle conoscenze e competenze professionali, può essere concesso un periodo di benefit non superiore ai 36 mesi dalla data della singola decisione di concedere il sostegno se tale necessità è documentato nel piano aziendale

Condizioni per essere ammessi alle agevolazioni:

Presentazione del piano aziendale che coordina le diverse misure attivate nell’ambito del progetto integrato. Tale piano aziendale può prevedere, se necessario, investimenti diretti all’ammodernamento aziendale, eventualmente finanziati da altre fonti pubbliche nazionali o comunitarie.

Impegno all’assunzione di responsabilità o corresponsabilità civile e fiscale nella gestione di un’azienda agricola, in qualità di:

a) titolare, mediante l’acquisizione dell’azienda agricola attraverso atto pubblico o scrittura privata registrata;

b) socio e amministratore di una società di persone avente per oggetto la gestione di un’azienda agricola;

c) socio amministratore di società di capitale o di società cooperativa avente come unico oggetto la gestione di un’azienda agricola.

Il beneficiario si impegna in fase di attuazione a :

Condurre l’azienda per almeno cinque anni decorrenti dalla data di adozione della singola decisione di concedere il sostegno;

Aderire ad azioni di formazione e/o consulenza di cui alle sotto misure 1.1, 1.2 e 2.1 del PSR; Possedere adeguate capacità e competenze professionali attestate da titolo di studio o da esperienza lavorativa di almeno 2 anni in qualità di coadiuvante ovvero di lavoratore agricolo documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale oppure attestato di frequenza con profitto a idonei corsi di formazione nazionali o regionali.

Soddisfare la definizione di agricoltore attivo ai sensi dell’articolo 9 del Reg. (UE) n. 1307/2013, entro 18 mesi dalla data di insediamento;

Acquisire, entro 36 mesi dalla data di adozione della singola decisione di concedere il sostegno, la qualifica di imprenditore agricolo professionale di cui alla D. Lgs. 99/2004.

Agevolazioni:

Ricapitolando Il premio di insediamento è concesso sotto forma di un’operazione di leasing finanziario da Ismea, finalizzata all’acquisizione dell’azienda agricola ed è erogato in due rate nell’arco di un periodo massimo di cinque anni. Il leasing dovrà essere rimborsato in rate semestrale posticipate.
Il premio di insediamento viene rilasciato in conto interessi, ad abbattimento delle rate, da restituire secondo un piano di ammortamento, di durata variabile, a scelta del soggetto beneficiario, tra un minimo di 15 anni e un massimo di 30 anni.

Il volume dell’aiuto dell’ aiuto è calcolata sulla base del tasso di riferimento fissato periodicamente dalla Commissione europea per le operazioni di attualizzazione, vigente al momento della concessione del sostegno. Massimale di intervento minimo 200mila € / massimo 2milioni €.

N.B.:

In ogni caso, l’ammontare massimo dell’aiuto non può essere superiore alla somma di 70.000 euro in conformità a quanto disposto dall’articolo 18, paragrafo 7, del regolamento n. 702/2014.

Sono esclusi:

Coloro che hanno già ottenuto un premio di primo insediamento, che si insediano in società nelle quali in precedenza si era già insediato un altro giovane beneficiario.

Soggetti che hanno già acquisito la qualifica di contitolare di una impresa o di una società Agricola.

Operazioni tra coniugi e figli

Tra coniugi

Tra affini entro il 1° grado (suocera/o – genero/nuora)

Tra società quando uno dei soci amministratori della società venditrice sia socio/amministratore della società acquirente

Soggetti richiedenti che svolgono attività agro-meccanica.

Per tutte le informazioni inerenti alle singole regioni Italiane contattateci tramite mail al seguente indirizzo

Si ricorda che il network con la collaborazione della Consulente Aziendale Trogu Esmeralda sarà in grado di presentare la pratica e di seguirla fino alla conclusione e all’erogazione. Lo stesso dicasi per tutta la parte fiscale e burocratica.

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su https://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/

You must be logged in to post a comment Login